L'Aquila, storie di resistenza e di rinascita

  • 11 Sep 2020
  • Posted by stefano.baglioni
  • 0 Commenti

Se c'è una cosa di cui l'Italia può essere davvero orgogliosa questa è la ricostruzione della città di L'Aquila, un luogo meraviglioso con uno dei centri storici più importanti del Paese e con una storia che, dalla fondazione ai nostri giorni, l'ha sempre vista resistere fiera a battaglie e calamità.

Sede del primo Giubileo della Chiesa Cattolica L'Aquila è la Città del Perdono: Papa Celestino V emanò nel 1294 una Bolla Pontificia con la quale concesse l'indulgenza plenaria a chiunque, pentito  dei suoi peccati e confessato, passasse attraverso la Porta Santa collocata su un lato della Basilica di Santa Maria di Collemaggio scenario della sua incoronazione. Questo Giubileo ha preso il nome di Perdonanza ed è stato iscritto, nel 2019, nella Lista del Patrimonio Immateriale dell'Unesco.

Si deve visitare L'Aquila se si vuole comprendere la capacità degli uomini di resistere e di credere nel futuro, il più grande cantiere d'Europa dove si sta ricostruendo una città completamente crollata a causa del terribile sisma del 2009 e dove le persone ricominciano una inedita vita nei loro vecchi nuovi luoghi. A L'Aquila succede tutto, tutto quello che difficilmente si incontra in una esistenza, i cittadini sono rimasti per ricostruire le loro case e la loro comunità, la pandemia non ha bloccato i cantieri, se non per il periodo del lockdown, che continuano a restituire edifici tra i più sicuri in Italia, i negozi riaprono nei locali ricostruiti, la cultura viene proposta come traino per la crescita sociale con una offerta continua di spettacoli, concerti, mostre, presentazioni di libri, convegni, seminari, laboratori ed incontri.

Ed è in questo scenario che i due Rotary Club cittadini, il Rotary Club L'Aquila e il Rotary Club L'Aquila Gran Sasso d'Italia, indicono il "Premio Rotary Perdonanza” conferito a persone fisiche o a istituzioni che si sono particolarmente distinte in attività umanitarie e che abbiano svolto un ruolo di primo piano in favore della collettività.

Quest'anno la commissione del premio presieduta dalla dr.ssa Paola Iorio, insieme ai presidenti dei club Marisa D'Andrea e Antonio Durantini, ha scelto di conferire il prestigioso riconoscimento al professore Franco Marinangeli, primario, ai medici e a tutto il personale sanitario dell’Unità operativa complessa di Anestesia, Rianimazione e Terapia intensiva dell’ospedale San Salvatore di L'Aquila “che con impegno responsabile e grande umanità si sono spesi in favore delle persone colpite dal Covid-19. Professionisti che osservano il giuramento di Ippocrate oltre il limite della propria sicurezza nella volontà di salvare vite umane, centrando in pieno così l’ideale rotariano del Servizio al di sopra di ogni interesse personale”.

Da L'Aquila, in occasione del Premio Rotary Perdonanza la governatrice Rossella Piccirilli ha riportato a tutti i soci del Distretto 2090 la straordinaria notizia della dichiarazione dell'OMS a riguardo dell'Africa libera dalla Poliomielite anche grazie al grande impegno del Rotary International con il service a favore dei vaccini: - Mi fa piacere rilanciare la notizia da qui, luogo dove la solidarietà ha fatto miracoli, uno dei più grandi risultati moderni della salute pubblica che ci ricorda come scienza e cooperazione possono sconfiggere ogni virus e salvare le vite umane e che ci vede ancora più convinti a servizio della battaglia che ci attende per debellare il Covid-19.