Lettera di Commiato di Gabrio Filonzi

  • 23 Jun 2019
  • Posted by stefano.baglioni
  • 0 Commenti

Carissime amiche e amici,
è l’ultima ‘conversazione’ che faccio con voi da Governatore. Questo splendido, per me ma
spero anche per voi, anno rotariano è giunto ormai al termine con la speranza di essere stato
all’altezza della situazione e di non aver deluso i tantissimi soci che mi hanno voluto onorare
scegliendomi per tale incarico. L’ho iniziato con un po’ di ansia e di preoccupazione conscio
della grande responsabilità che comporta essere il Governatore di un Distretto prestigioso ed
importante come il nostro e ora che è trascorso mi accorgo che il tempo è volato via in un fiato;
tante le soddisfazione per i traguardi raggiunti, ma anche un po’ di rammarico per non aver
potuto aggiungerne altri. Mi resta, comunque, la gioia di avervi incontrato e di aver condiviso
con voi tanti eventi eccellenti.
Ho appreso molto, ho avuto ottimi insegnanti in tanti di voi, mi sono emozionato fino alle
lacrime nel condividere esperienze e percorsi, mi avete tenuto per mano per svelarmi scorci di
questo fantastico ‘panorama rotariano’ che altrimenti non avrei mai conosciuto. Ho toccato
con mano il vero Rotary, ho conosciuto delle realtà imprevedibili, vissuto momenti esaltanti,
Club meravigliosi, ma, soprattutto, persone eccezionali, che hanno il Rotary nel cuore e nella
mente. Abbiamo un enorme patrimonio di eccellenze che, forse, sottovalutiamo, ma che, vi
assicuro, sono sempre pronte a dare, a spendersi, a impegnarsi, per sostenere quei principi
fondamentali che fanno di noi rotariani la spina dorsale di una società sana e produttiva.
Un’esperienza è positiva quando quello che si è appreso viene condiviso e messo al servizio
degli altri, altrimenti non è altro che autoreferenzialità ed egoismo, quindi metterò questo
patrimonio a disposizioni di chiunque lo chieda. Il Rotary è fatto di persone e non di numeri,
non ci ostiniamo a voler a tutti i costi migliorare le statistiche. Basarsi solo su di esse è come
guidare un’auto guardando nello specchietto retrovisore: sai benissimo quello che ti sei lasciato
alle spalle ma perdi di vista la meta che vuoi raggiungere. Penso di passare un testimone che
permetterà a chi mi succederà di portare il Distretto verso obiettivi sempre più prestigiosi e,
opportunamente ambiziosi, perché ve lo meritate e ne abbiamo la capacità e la forza.
Voglio farvi un’ultima esortazione: SIATE SCANDALOSI! Si, avete letto bene, scandalosi ma
nell’accezione greco-latina del termine: siate di inciampo, siate di ostacolo. Siate di inciampo a
chi vorrebbe far deviate il Rotary su un tragitto che non è il proprio, a chi vuole trovare nel
nostro sodalizio una rampa di lancio per chissà quali mete, siate di ostacolo a chi non condivide
i nostri valori, a chi non agisce nel pieno rispetto dell’etica e delle regole, a chi non dà un buon
esempio alle nuove generazioni. Siate la ‘pietra d’intralcio’ per chi mina l’amicizia, crea malumori,
non ama la lealtà e tradisce la nostra fiducia. A volte è necessario tagliare qualche ramo
se vogliamo che la nostra pianta cresca vigorosa e rigogliosa, continuando a dare buoni e utili
frutti.
In questo cammino che ormai si avvicina alla meta non sono stato solo, oltre a voi ho avuto altri
compagni di viaggio stupendi, lo staff e non solo, che mi ha sempre sostenuto ed aiutato, non
facendomi mancare mai quel calore e quell’incoraggiamento senza i quali non si va da nessuna
parte. Il nostro è un gioco di squadra dove ognuno dà il suo apporto, il suo contributo, la sua
esperienza e la sua disponibilità. E’ più che mai vero il detto: tutti siamo utili ma nessuno è
indispensabile, ma è l’unione che fa la forza. Tenete a mente questo, perché vi aiuterà a superare
tanti ostacoli, tante avversità e qualche momento di scoraggiamento. Abbiate l’umiltà di
chiedere un aiuto e un sostegno perché ci sarà sempre accanto a voi qualcuno disposto a darveli
con disinteresse, amicizia e con tutto il cuore. Io e Patrizia ci congediamo da voi con tanta
gratitudine e affetto ma, soprattutto, con tanta gioia per avervi conosciuto meglio ed in tanti.
Siete la parte migliore della società, continuate ad esserlo e siate di esempio ai giovani per
rendere il Rotary grande, immenso, universale, ETERNO!!!

Gabrio