Via di Azione di Pubblico Interesse

Tu sei qui

 

L'Azione di pubblico interesse incoraggia ogni Rotariano a trovare modi per migliorare la qualità della vita delle persone in seno alla  comunità in cui vive e ad agire a beneficio comune.

Tale azione comprende le iniziative intraprese dai soci, a volte insieme ad altri, per l'interesse comune di coloro che abitano nell’ambito del territorio del club.

Definizione dell’Azione di pubblico interesse
Nel 1992 il Consiglio di Legislazione adottò la seguente definizione:
“L’azione di pubblico interesse incoraggia e promuove l’applicazione dell’ideale del servire nella vita personale, professionale e civica di ogni rotariano”.
Nell’impegnarsi perché sia rispettato tale ideale, i club hanno lanciato varie attività che offrono eccellenti opportunità di volontariato ai loro soci.

A titolo indicativo, e al fine di formulare una regola di condotta per i club e i rotariani per quanto riguarda le attività di pubblico interesse sono stati ufficialmente riconosciuti come validi i seguenti principi:

L’azione di pubblico interesse consente a ogni rotariano di mettere in pratica la filosofia del “Servire al di sopra di ogni interesse personale”.

Fa parte dell’impegno e della responsabilità sociale di ogni rotariano e di ogni club contribuire al miglioramento delle condizioni di vita della comunità e di agire a nome del pubblico interesse.

In quest’ottica, s’incoraggiano i club a:

1) rivedere con regolarità le possibilità di volontariato esistenti nelle loro comunità e coinvolgere ogni socio nella valutazione delle necessità locali;
2) nell’attuare i loro progetti di pubblico interesse, avvalersi delle competenze professionali e dell’esperienza dei soci;
3) promuovere progetti che rispondano alle necessità effettive della comunità e che siano sostenibili, sia per il club che per la comunità stessa, in base al principio per cui ogni attività di volontariato è valida, indipendentemente dalla sua portata;
4) coordinare le attività di volontariato assieme ai club Interact e Rotaract, ai Gruppi Community Rotary e agli altri gruppi sponsorizzati dai club;
5) individuare le possibilità di estendere l’azione di volontariato tramite programmi e progetti rotariani a livello internazionale;
6) coinvolgere la comunità, se opportuno, nell’attuazione dei progetti di servizio e nell’acquisizione delle risorse materiali necessarie;
7) cooperare con altre organizzazioni, in armonia con il regolamento del RI, al raggiungimento degli obiettivi fissati di volontariato;
8) ottenere il dovuto riconoscimento da parte della comunità per i progetti di pubblico interesse svolti;
9) spronare altre organizzazioni a collaborare a progetti comuni di servizio;
10) se opportuno, affidare alla comunità stessa o ad altre organizzazioni la responsabilità di proseguire i progetti già avviati in modo da poter intraprendere nuove attività di servizio.

In quanto associazione di club, il RI si assume la responsabilità di rendere noti i
progetti svolti e i fabbisogni delle comunità e di suggerire programmi o progetti che
promuovano lo Scopo del Rotary e che potrebbero trarre vantaggio dalla collaborazione
di rotariani, club e distretti desiderosi di parteciparvi.